In LIFESTYLE & DESIGN

Uno stile di abitazione country chic, la meta più ambita per un week end romantico in Francia. Cosa rende questo posto così speciale?

 

La Francia è da assaporare anche in autunno per poter ammiarare i suoi paesaggi fatti di mulini a vento, vecchi granai e castelli. 

“Douce France, cher pays de mon enfance”,

intonava il cantante Charles Trenet nel 1943. È dolce la Francia per i nostri vicini d’Oltralpe. 

In pochi credono valga la pena di fare un viaggio in questa stagione io penso invece, sia il periodo migliore per poter godere appieno degli scorci suggestivi che solo l’autunno ci regala. Ricco di caldi colori e di avvolgenti fall foliage. 

 

Non c’è un tipo di casa che mi metta più serenità di questa e la motivazione è data da una serie di elementi ricorrenti che trovo esteticamente bellissimi oltre che confortevoli.

 

Se da un lato quest’anno non abbiamo la possibilità di farci un viaggio in autunno, dall’altro possiamo sicuramente trarre ispirazione dal loro stile e cercare di adattare gli spazi di casa nostra in modo da farci sentire un pò più provenzali.

Come prima cosa possiamo giocare con i materiali. Via libera al legno naturale o smaltato di bianco per creare l’effetto shabbato successivamente, e sia anche al vimini. Ceste e cestini sotto il tavolo o a fianco di letto e divano

Provate anche ad usare le classiche cassettine della frutta 

 

 

In cucina prevale sempre il colore bianco e qualche pensile con tazze o piatti in vista 

 

Infine se volete prendere ispirazione, ecco un libro ad hoc:

“Vino, patate e mele rosse”, Joanne Harris.

 

Condividi
Post Recenti
Showing 3 comments
  • L
    Rispondi

    La Provenza è davvero incredibile, io purtroppo ci sono stato solo una volta ed è stata una toccata e fuga velocissima ma resta comunque qualcosa di indelebile che spero di poter rivedere un giorno…. per certi aspetti è quasi un salto indietro nel tempo con il suo stile rustico ed elegante unito ad un vero e proprio spettacolo di colori…quando possibile l’ itinerario della lavanda è un’ esperienza da fare assolutamente, gran bell’ articolo e ottima scelta

    • Fedex
      Rispondi

      Mi consiglieresti un itinerario preciso?

      • L
        Rispondi

        dipende da quanti giorni hai a disposizione…se sei interessata in senso stretto alla lavanda temo che dovrai aspettare l’ anno prossimo per cogliere il periodo migliore, che io sappia le mete d’ obbligo sono: Bonnieux, Buoux, Castellet e Cavaillon ma come ti dicevo la mia è stata solo una toccata e fuga, altre mete “minori” sono: Gordes, l’ Abbazia di Senanque e il villaggio di Sault…l’ itinerario comunque lo scegli tu, può essere una tirata di 500-600 km oppure prenderti qualche giorni 4-5 (consigliatissimo) e prenderti tutto il tempo che ti serve, il mio personalissimo consiglio è di non focalizzarti troppo sulle cose da fare o vedere ma approccialo come un viaggio on the road, pic nic, macchina fotografica e goditi lo spettacolo senza fretta, non serve altro, per completare puoi anche considerare di spostarti ad Avignone e dintorni se cerchi città ricche di storia oppure in costa azzurra se vuoi buttarti nella vita mondana, spero di averti risposto bene

Lascia un commento