In LIFESTYLE & DESIGN

Secondo il dress code, il papillon  nasce per essere indossato in occasioni dove l’eleganza è d’obbligo. Originariamente infatti, il papillon si indossava esclusivamente con  lo smoking e doveva essere tassativamente annodato a mano, al bando i papillon preconfezionati. Ad oggi però le cose sono un pò cambiate, innanzitutto la vasta scelta di materiali usati per i papillon preconfezionati rende impossibile non cadere in tentazione nell’indossarne. Ad esempio trovo originali quelli in legno che ultimamente sono di tendenza e molto apprezzati anche dal pubblico femminile. Incisi a laser e con delle fantasie uniche ma non per questo meno eleganti.

L’effetto dipende dal contesto in cui lo si porta e come lo si abbina.

Il papillon, oggi, è diventato un accessorio fresco e giovanile. Adatto a svariate occasioni e da portare anche senza giacca, con la camicia di jeans o anche un cardigan, perché no?

 

In ogni caso, tornando alla classicità dell’articolo, è bene ricordare che se si sceglie un papillon a fantasia, lo si indosserà su una camicia a tinta unita e viceversa, in questo modo non potete sbagliare.

Fate attenzione alle dimensioni che dovranno essere proporzionate con il resto degli abiti ma di norma le punte del colletto non devono mai sporgere dal papillon, per questo motivo è bene scegliere camicie con il colletto alla francese o arrotondato.

 

Io preferisco di gran lunga il Papillon alle cravatte; lo trovo un accessorio molto più fresco e originale senza perdere d’eleganza. Mi piacciono i Papillon con colori accesi e fantasie un pò più improbabili se lo si abbina a camice di jeans. Ritengo che per esempio in occasioni quali i matrimoni, invece, lo si debba abbinare al vestito, a meno che non sia richiesto un dress code particolare. Di recente ho partecipato ad un matrimonio nel quale era stato richiesto di indossare qualcosa di giallo e tutti gli uomini si sono presentati con un bel papillon o cravatta gialla. Fantastico.

 

Condividi
Post Recenti

Lascia un commento