DOLCE/ FOOD

Stelline al caffè, cardamomo e Neve

Sono qui davanti allo schermo del computer con, tra le mani, una tazza di cappuccino -rigorosamente di soia-, bollente. Nevica e ho spalancato le finestre per godermi il panorama imbiancato. Vi starete chiedendo come questo sia possibile di lunedì mattina e soprattutto se sia giusto che io sia qui a godermi lo spettacolo mentre voi siete a lavoro. Posso garantire che se come ogni bella rosa ha le spine, anche questa giornata non è iniziata carica di aspettative.

All’alba della mia domenica (perché il lunedì per me lo è), sono stata catapultata fuori dal letto per un attacco di sonnambulismo acuto del mio gentil consorte che, anche dopo tutti questi anni non smette di terrorizzarmi mentre si crede un ninja all’azione. Deve essere per forza così, altrimenti non si spiegano le capriole e i numeri da circo durante il sonno. Al termine dell’attacco decido di mettermi a letto ancora un po’. Penso di andare avanti a leggere un libro bellissimo: “la parte più tenera” di Ruth Reichl perché niente mi rilassa più di una buona lettura. Faccio solo in tempo a sospirare che dopo poco suona il campanello. È mia madre. È passata a bere un caffè prima di andare a lavoro.

Terminati caffè e conversazione matriarcale spero di potermi arrotolare nuovamente nel piumone. Questa volta non faccio nemmeno in tempo a tirare il tanto atteso sospiro che di nuovo suona il campanello. E’ il turno del corriere. Corro giù dalle scale con un allettante pigiama di flanella, delle pantofole rosa e annessa vestaglia di pile grigia, ma il corriere sembra poco perplesso, probabilmente ha visto di peggio oppure ha perso la speranza di far conquiste il lunedì mattina.

Noto con gioia che fuori nevica ancora e che nel nostro cortile la neve a terra è immacolata, di un candore abbagliante. È da ieri mattina che mi sono messa in testa di voler fotografare i fiocchi di neve. Allora corro di nuovo per le scale, questa volta all’insù fino al nostro appartamento, due rampe di corsa in pigiama e pantofole con la speranza che i dirimpettai non escano dalla porta proprio in questo istante. Anche io mi domando il perché delle mie stranezze, non pensate, ma non mi soffermo troppo a pensare e prendo una ciotola e un cucchiaio per raccogliere quanta più neve possibile perché ne sono certa: per poter fotografare i fiocchi si fà così. Ripercorro scale/cortile sempre nella mia elegantissima tenuta da notte e stavolta sono vista. E’ il turno del marito della signora Rosa. Un signore distinto che porta sempre gli occhiali da sole, anche oggi ad esempio. Dieci anni qui non mi hanno ancora spinta a chiedere quale sia il suo nome ma da qualcuno lo devo aver sentito per poi metterlo nella stanza dei nomi perduti. Noto con gioia che anche lui non è turbato, deve essersi abituato alla mia stravagante presenza. Al che decido di urlarglielo per sicurezza: “la raccolgo per fare delle foto!” nessuna risposta. deve essere o un po’ duro d’orecchi oppure ha gli occhi fissi e spalancati e non lo saprò mai dati gli occhiali scuri. Di fatto la testa non la scuote con dissenso quindi mi auto convinco che la prima opzione sia quella giusta, il che è decisamente più rassicurante. Torno all’ultimo piano con i capelli imbiancati e le pantofole impregnate d’acqua. Appoggio sorridente la neve sul davanzale intanto che penso a come utilizzarla, se mai la utilizzerò. Spalanco tutto ed eccomi qui, a godere della compagnia del mio cappuccio in pace. Forse.

Stelline al caffè e cardamomo

Avrai bisogno di..

  • 300 gr farina 00
  • 150 gr burro a temperatura ambiente
  • 100 gr zucchero mascobado
  • 50 gr amido di mais
  • 1 tuorlo
  • 50 gr caffè espresso
  • 1 cucchiaio di semi di cardamomo tritati finemente

Come si fa...

  1. In una ciotola lavora il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema dalla consistenza morbida. Al composto aggiungi la farina e l'amido, unisci il tuorlo ed il caffè ed il cardamomo tritato poi continua a mescolare. Quando l'impadto è liscio ed omogeneo forma una palla, allolgila nella pellicola e lasciala riposare in frigo per mezz'oretta circa. 

    Preriscalda il forno a 180 gradi

    Togli l'impasto dal frigo e stendi con il mattarello uno strato sottile su una superficie infarinata o su della carta da forno. Con degli stampini a stella ritaglia la pasta e disponi ogni stella sulla teglia ricoperta di carta forno. 

    Cuoci per circa dieci minuti o fino a leggera doratura.

    Spolvera con tutto o zucchero a velo che puoi!

Condividi

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply
    Aristide
    dicembre 13, 2017 at 3:10 pm

    Brava Fede! Avanti così!

  • Leave a Reply